FILT

FEDERAZIONE ITALIANA LAVORATORI TRASPORTI

La FILT riceve su appuntamento

lunedì 9.30 – 12.30, 14.30 – 17.00
mercoledì 9.30 – 12.30, 14.30 – 17.00
venerdì 9.30 – 12.30, 14.30 – 17.00

mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - pec: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - Tel. 049-8944299

“O ti abbassi lo stipendio di un terzo o esternalizziamo!” Le centraliniste della Cooperativa Radio Taxi di Padova sotto ricatto. La denuncia della Filt Cgil Padova

12 Aprile 2022

Filt Cgil Padova: “Il Comune intervenga per trovare una soluzione alla situazione venutasi a creare all’interno della Cooperativa Radio Taxi di Padova dove le dipendenti del centralino sono state poste davanti ad un bivio: o si riducono lo stipendio o il loro servizio verrà esternalizzato”

“Chiediamo che il Comune di Padova istituisca un tavolo di confronto congiunto alla Società Cooperativa Radio Taxi Padova affinché si trovi una mediazione che salvaguardi le lavoratrici e la qualità di un servizio collettivo”

“Chiediamo l’intervento del Comune. Quel che sta succedendo alle lavoratrici del centralino che smista le chiamate ai tassisti di Padova è semplicemente intollerabile e non può passare sotto silenzio. In pratica: o si ridurranno lo stipendio (e di parecchio, cioè circa un terzo) oppure il servizio verrà esternalizzato”. C’è molta rabbia ma anche altrettanta determinazione nelle parole di Massimo Cognolatto, Segretario Generale della Filt Cgil e Katia Basso, la Funzionaria della categoria che sta seguendo le lavoratrici della Cooperativa Radio Taxi di Padova coinvolte in questa vertenza.

E aggiungono: “Per questo motivo abbiamo scritto una lettera al Sindaco Giordani chiedendogli di istituire un tavolo con la Società CO.RA.PA e le rappresentanze sindacali delle lavoratrici affinché si trovi una mediazione che salvaguardi la loro dignità e la qualità di un servizio collettivo fondamentale per la cittadinanza. E attendiamo una risposta”.

Una lettera in cui il Segretario Generale della Cgil ha illustrato al Sindaco la situazione che si è venuta a creare all’interno della Cooperativa Radio Taxi di Padova che gestisce, su licenza rilasciata dal Comune, l’autoservizio pubblico per il trasporto collettivo o individuale delle persone e che si affida, per le chiamate dei clienti richiedenti una corsa, ad un centralino in cui lavorano circa 10 lavoratrici dipendenti della cooperativa stessa.

“Ebbene – dicono Cognolatto e Basso – nelle settimane scorse siamo stati contattati dal Consiglio di Amministrazione della Cooperativa che ci ha comunicato la volontà di esternalizzare il servizio di centralino chiedendo, al contempo, se le lavoratrici erano disponibili a ridursi lo stipendio. A nostro avviso si è trattato di un ricatto, soprattutto se consideriamo l’anzianità lavorativa quasi ventennale della stragrande maggioranza delle lavoratrici, ma abbiamo lo stesso intrapreso delle trattative per trovare un’equa soluzione alla situazione, magari cercando una riduzione dei costi per l’azienda combinando una diminuzione dello stipendio unita ad un conseguente calo dei carichi di lavoro. Ma questo, naturalmente, ricordando sempre quel che dice la nostra Costituzione all’articolo 36 laddove recita che ‘il lavoratore ha diritto ad una retribuzione proporzionata alla quantità e qualità del suo lavoro e in ogni caso sufficiente ad assicurare a sé e alla famiglia un'esistenza libera e dignitosa’. Teniamo presente che stiamo parlando di salari medi per lavoratrici impiegate da anni, di giorno, di notte, nei festivi, che già, con l’esplosione della pandemia e riduzione delle attività, avevano subito una diminuzione dello stipendio”.

“Ma a fronte di questa disponibilità – proseguono il Segretario Generale e la Funzionaria della Filt Cgil Padova – la società ha solo pensato di chiedere di quanto le lavoratrici possano tagliarsi lo stipendio e visto che quel che chiedono, cioè circa 10 mila euro all’anno in meno per ogni lavoratrice ossia una riduzione pari a circa un terzo dell’attuale stipendio, è oltre che irrealizzabile anche vergognoso, le lavoratrici hanno deciso di assumere un atteggiamento di fermezza e ci hanno manifestato la volontà di intraprendere azioni di lotta che inevitabilmente finiranno con lo scaricarsi sul servizio pubblico e quindi sulle cittadine e cittadini della città”.

“Per questo motivo – concludono Massimo Cognolatto e Katia Basso – abbiamo deciso di chiedere l’intervento del Sindaco, come primo rappresentante degli interessi e bisogni della città. Come Filt Cgil, prima di dichiarare uno stato di agitazione, siamo soliti percorrere tutte le vie del dialogo possibile, ma se dovessimo constatare che tale condotta non ci porta a niente, ci troveremmo costretti a fermare il servizio, anche per una settimana consecutiva. E allora tutti dovranno prendersi le responsabilità per questo disagio alla città”.

SEGRETERIA FILT PADOVA

  • Massimo Cognolatto
    Segretario generale
  • Maria Giovinazzo
    Segretaria provinciale
  • Andrea Rizzo
    Segretario provinciale

FILT NAZIONALE



FILT

Organizza i lavoratori addetti ai servizi, alle attività dirette o ausiliarie, di trasporto terrestre, marittimo, aereo.

La Federazione Italiana Lavoratori Trasport, FILT CGIL, è il sindacato delle lavoratrici e dei lavoratori che operano nel campo dei trasporti e della viabilità, ed è il risultato di un processo di unificazione di sei sindacati di categoria che avevano le seguenti denominazioni: FIAI (Federazione Italiana Autoferrotranvieri e Internavigatori); FIFTA (Federazione Italiana Facchini Trasportatori ed Ausiliari); FILM (Federazione Italiana Lavoratori del Mare); FILP (Federazione Italiana Lavoratori dei Porti); FIPAC (Federazione Italiana Personale Aviazione Civile); SFI (Sindacato Ferrovieri Italiani).

La FILT CGIL organizza tutte le lavoratrici e tutti i lavoratori iscritti alla CGIL che prestano la loro attività nei settori del trasporto aereo, marittimo e terrestre (su ferro e su gomma) e nel settore dei servizi ausiliari e complementari alle attività di trasporto.

La Filt ha lo scopo di: assicurare l'unità politica, programmatica e di azione delle lavoratrici e dei lavoratori dei trasporti e della viabilità; garantire omogeneità ed organicità alle linee di politica dei trasporti in stretta interdipendenza con la strategia generale del movimento sindacale, dando preminenza al trasporto collettivo rispetto a quello individuale e ai modi meno gravosi per l'impatto ambientale, più sicuri, più economici, funzionali ed integrabili ai fini dello sviluppo economico e del riequilibrio settoriale e territoriale del Paese; concorrere alla tutela degli interessi economici, professionali e sociali delle lavoratrici e dei lavoratori dei trasporti e della viabilità; contribuire ad aumentare la capacità contrattuale delle lavoratrici e dei lavoratori del settore; sviluppare il proselitismo e la sindacalizzazione delle lavoratrici e dei lavoratori dei trasporti e della viabilità, ponendo tutta l'organizzazione, le sue risorse e i suoi mezzi al servizio della partecipazione consapevole delle lavoratrici e dei lavoratori alla vita e alle scelte del sindacato; acquisire e gestire il diritto di informazione, di intervento e di controllo sulla attività delle imprese, sui programmi di investimento, di riconversione produttiva e di dislocazione territoriale, sui processi produttivi e sull'organizzazione del lavoro; sostenere una politica dei trasporti e della viabilità finalizzata alla integrazione e alla unità europea, allo sviluppo dei Paesi emergenti e delle aree depresse, e affermare avanzati diritti comuni delle lavoratrici e dei lavoratori europei.

Via Longhin, 117 Padova Tel. 049-8944211 - Fax 049-8944213 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. PEC : Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Per il Caaf chiamare il Centro Unico di Prenotazione tel. 0497808208


© All rights reserved. Powered by Cybcom.

Torna all'inizio