NIDIL

SINDACATO LAVORATORI ATIPICI

Per contattarci scrivere a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. o telefonare al 3486934106

Rischio climatico e tutela della salute dei Rider: due sentenze rivoluzionarie del Tribunale di Palermo

09 Settembre 2022

Con due innovative ordinanze adottate rispettivamente il 3 e il 18 agosto, il Tribunale di Palermo, nell’accogliere i ricorsi cautelari promossi quest’estate da Nidil, Filcams e Filt Cgil, ha sancito il principio che l’attività lavorativa dei rider nella fase acuta della bolla di calore che ha interessato l’Italia imponeva per le aziende del food delivery l’adozione di specifiche misure a tutela della salute. Le due aziende del settore convenute nei giudizi si erano infatti del tutto disinteressate delle possibili conseguenze sulla salute derivanti dallo svolgimento di attività di consegna da parte dei ciclofattorini nelle ore calde della giornata. Una azienda, infatti, si era semplicemente limitata a “consigliare” di bere frequentemente mentre l’altra non aveva in alcun modo considerato il contesto climatico nel quale operavano i propri fattorini omettendo di valutare i rischi connessi. Il Tribunale ha invece ritenuto che la caratteristica del lavoro dei rider, esposti all’azione dei raggi solari e sottoposti a stress fisici, imponga in capo alle aziende il rispetto di specifici obblighi di analisi, informazione e prevenzione nonchè di consegna di dispositivi atti a proteggere i lavoratori dai possibili shock termici. Gli obblighi discendono direttamente dall’applicazione del d.lgs 81/2008 e dalla norma generale del sistema di prevenzione dei rischi lavorativi rappresentata dall’art. 2087 c.c.. Tali disposizioni sono state ritenute di diretta integrale applicazione al rapporto di lavoro dei rider non rilevando la qualificazione autonoma o subordinata del tipo contrattuale. Si segnala la novità e l’importanza dell’ordinanza del 18 agosto 2022 che ha imposto alla società di effettuare ex art. 17 e 28 d.lgs 81/2008 una specifica valutazione del rischio da esposizione ad ondate di calore e delle conseguenti misure necessarie per la tutela dell’incolumità dei rider. Con tale condanna il Tribunale palermitano non solo ha accertato l’inadeguatezza del documento di valutazione dei rischi ma ha ordinato alla società di provvedere alla sua immediata integrazione. L’omessa valutazione del rischio climatico, rilevante e specifico per il tipo di lavorazione alla quale è assegnato il lavoratore, espone l’azienda a conseguenze risarcitorie e può configurare, in una lettura sostanzialistica, anche una violazione del divieto di stipulare forme contrattuali di lavoro flessibile. I provvedimenti si segnalano per la loro importanza che trascende il rapporto di lavoro dei rider. I principi affermati assumono una significativa rilevanza per tutti i lavoratori sia subordinati che etero organizzati impiegati in qualunque settore merceologico. I Giudici Palermitani hanno infatti respinto l’interpretazione restrittiva del d.lgs 81/08 e ritengono che l’intero complesso normativo trovi applicazione anche ai rapporti di lavoro etero organizzati riconducibili all’art. 2 del d.lgs 81/15. La conseguenza che ne deriva è di estremo rilievo in quanto qualunque datore di lavoro sarà tenuto per il rischio climatico a prevedere, analizzare e organizzare un sistema di protezione adeguato per tutti i lavoratori assicurando al contempo una formazione e informazione con costi a integrale carico dell’azienda, tenuta, in ogni caso, ad adottare strumenti di prevenzione adeguati. La prospettiva che apre una tale interpretazione estensiva consente anche di ipotizzare il diritto a costituire una rappresentanza sulla sicurezza anche per i lavoratori etero organizzati. I provvedimenti che hanno imposto la consegna ai rider di una borraccia termica con una adeguata provvista di acqua, sali minerali e salviette rinfrescanti si segnalano, inoltre, per avere inequivocabilmente affermato che il fattore climatico costituisce un rischio lavorativo specifico di cui il datore di lavoro deve ormai tenere conto. Il clima diviene, quindi, un elemento di rischio lavorativo che deve essere adeguatamente considerato nell’organizzazione produttiva, attraverso l’introduzione di ritmi di lavoro compatibili, condizioni di impiego consone all’ambiente nel quale il prestatore è tenuto a rendere la propria attività e dotando i lavoratori di idonei mezzi di protezione. L’esposizione prolungata ai raggi solari costituisce, infatti, sulla base di recenti studi elaboratori dall’INAIL (Worklimate, INAIL, 2022), un fattore di rischio rilevante che può determinare gravi conseguenze per la salute dei lavoratori che impone al datore di lavoro di designare una persona che sovrintenda al piano di sorveglianza per la prevenzione degli effetti dello stress da calore. Il fattore climatico diviene, quindi, un elemento fondamentale nel sistema di tutela della salute dei lavoratori che impone a tutte le aziende di adottare adeguate misure di prevenzione non solo in settori tradizionali (agricoltura, edilizia) ma anche nelle nuove forme di lavoro che si delineano (smart working, gig economy ecc.) senza alcuna distinzione tra tipologie contrattuali.

Avv.ti Carlo de Marchis Gómez - Maria Matilde Bidetti

 

 


NIDIL

Lavoratori senza tutela e protezioni sociali (collaboratori, consulenti, lavoratori interinali)

e' una sruttura sindacale che nasce nel 1998 dall'esigenza della Cgil di dare voce e rappresentanza a chi lavora senza tutela e senza una rete di protezioni.sociali: collaboratori, consulenti, lavoratori interinali…

NIdiL CGIL (Nuove Identità di Lavoro) è la struttura sindacale della CGIL che rappresenta dal 1998 i lavoratori in somministrazione (ex interinali) ed i lavoratori atipici.

NIdiL è firmataria del CCNL dei lavoratori in somministrazione (ex interinali), contratto che dà diritti e tutele ai lavoratori dipendenti delle agenzie per il lavoro e che prestano la loro attività presso aziende utilizzatrici.

NIdiL combatte, per gli atipici, l'utilizzo improprio dei contratti di lavoro parasubordinato (co.co.pro., collaborazioni occasionali, mini co.co.co., partite iva individuali, associazioni in partecipazione, cessione di diritti d'autore, ecc.). Tali contratti sono spesso utilizzati dai datori di lavoro al posto del lavoro dipendente tradizionale, perché costano meno e rendono i lavoratori maggiormente ricattabili anche a causa delle frequenti scadenze dei contratti stessi.

NIdiL contratta inoltre diritti e tutele adeguate quando i contratti sono usati in modo proprio e/o rispondono a chiare scelte del lavoratore.

Via Longhin, 117 Padova Tel. 049-8944211 - Fax 049-8944213 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. PEC : Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Per il Caaf chiamare il Centro Unico di Prenotazione tel. 0497808208


© All rights reserved. Powered by Cybcom.

Torna all'inizio